Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

Un chip svela se il vaccino ha avuto successo

Una nuova tecnica messa a punto negli Stati uniti permette di verificare entro poche ore se il farmaco ha davvero attivato il sistema difensivo dell’organismo.

L’esigenza di verificare l’efficacia di una vaccinazione è ancora oggi molto sentita, ma i test disponibili richiedono anni di sperimentazioni, poiché si basano essenzialmente sulla presenza di anticorpi specifici nelle persone vaccinate, da controllare molto a lungo prima di poter esprimere un giudizio definitivo. Grazie al lavoro dei ricercatori dell’Emory Vaccine Center (Stati Uniti), però, la situazione potrebbe presto cambiare radicalmente: gli immunologi nordamericani hanno infatti pubblicato, sulla rivista Nature Immunology (http://www.nature.com/ni/journal/vaop/ncurrent/full/ni.2789.html ), i risultati dei primi test effettuati con un chip in grado di verificare in poche ore la risposta a un vaccino analizzando l’espressione dei geni del sistema immunitario che sottendono alla sintesi degli anticorpi specifici.

Per verificare l’affidabilità del loro chip, gli autori hanno vaccinato 30 volontari con due tipi di vaccino contro la meningite data da Neisseria meningiditis e hanno confrontato l’espressione dei geni dei linfociti con quella di un altro gruppo di volontari che erano stati vaccinati in precedenza contro l’influenza o la febbre gialla. Il risultato è stato che ogni vaccinazione innesca l’espressione di geni specifici e solo in parte identici a quelli attivati da un’altra immunizzazione, e che il chip rileva queste differenze.

I ricercatori ora stanno cercando di isolare i tratti genici comuni delle diverse vaccinazioni, con l’idea di giungere a un chip universale, che possa essere usato ogni volta che si decida di indurre un’immunizzazione, anche se probabilmente ci vorrà ancora parecchio tempo. Nel frattempo invitano la comunità scientifica a provare il chip con vaccinazioni di ogni genere, per accelerare la scoperta dei tratti comuni e anche delle peculiarità legate al tipo di vaccino (vivo attenuato, peptidico eccetera).


Data ultimo aggiornamento 15 novembre 2014


Tags: febbre gialla, influenza, meningite, Neisseria meningiditis, vaccino