Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

Individuata molecola che frena
il sistema immunitario

Le cellule tumorali riescono a "silenziare" le normali reazioni immunitarie anche grazie a una molecola chiamata NF-kB. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Università dell’Ohio (USA), con esperimenti in vivo e in vitro che candidano proprio l’NF-kb al ruolo di possibile bersaglio per terapie mirate anti-cancro.

Quando una cellula diventa tumorale, di norma intervengono i macrofagi, elementi del sistema immunitario che hanno il compito di produrne la morte infiltrandosi nella massa e secernendo un’altra molecola, chiamata fattore di necrosi tumorale alfa o TNF alfa.

Ma le cellule tumorali, producendo l’NF-kB, riescono ad agire su vari geni che regolano il sistema immunitario, rendendo più debole la secrezione di TNF alfa e quindi la reazione dei macrofagi i quali, di fatto, falliscono nel loro compito.

Come commentano sulla rivista Cell Reports i ricercatori, l’N-kB potrebbe diventare il bersaglio di farmaci specifici, che inibendolo o bloccandolo potrebbero riuscire a permettere ai macrofagi di svolgere appieno il loro ruolo.


Data ultimo aggiornamento 11 novembre 2014


Tags: fattore di necrosi tumorale alfa, macrofagi, NF-kB