Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

I batteri dell’intestino possono favorire la malattia di Parkinson?

Studi molto recenti stanno rivoluzionando le teorie sull’origine di alcune patologie neurodegenerative gravi: in partiolare, della malattia di Parkinson. «Si è visto che la sinucleina, una proteina coinvolta in questa malattia - spiega Alain Kaelin, direttore del Neurocentro della Svizzera Italiana - si trova anche nell’intestino, e forse in questo organo crea quei "grumi" che poi, arrivati al cervello (attraverso il nervo vago, e anche questa è una novità), danneggiano i neuroni. La trasformazione patologica della sinucleina potrebbe essere favorita da variazioni della flora intestinale, che a loro volta innescherebbero una serie di infiammazioni. Insomma, per certi aspetti, i batteri dell’intestino hanno forse la capacità di influenzare il cervello».

A.B.
Data ultimo aggiornamento 13 gennaio 2016