Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

Colera, funziona il nuovo vaccino sperimentato nel Bangladesh

Per la prima volta il vaccino orale contro il colera si è dimostrato efficace in uno studio condotto in condizioni reali, cioè tra bambini che vivono in zone particolarmente colpite dall’infezione – i quartieri poveri di Mirpur, in Bangladesh. Lo studio, pubblicato sulla rivista Lancet, ha infatti dimostrato che questo vaccino anticolera riesce a prevenire molti casi della malattia e che la protezione conferita è maggiore se la vaccinazione viene associata al rifornimento di acqua e a una campagna educazionale sull’importanza di semplici misure igieniche, come il lavaggio delle mani.

In Bangladesh si verificano tutti gli anni delle epidemie di colera, malattia la cui incidenza è stimata in 28 milioni di casi all’anno in tutto il mondo, almeno 90mila dei quali fatali. Per prevenirli potrebbero essere sufficienti misure igieniche apparentemente semplici, come - appunto - il lavaggio delle mani o il consumo di acqua non contaminata. Purtroppo, però, in alcune aree del mondo la loro messa in pratica non è così facile. E un aiuto potrebbe arrivare proprio dal vaccino orale, economico e facile da somministrare, che però non è mai stato utilizzato su larga scala.

Per dimostrare l’efficacia di questo vaccino e la reale possibilità di somministrarlo alla popolazione, gli infettivologi dell’International Centre for Diarrhoeal Disease Research di Dacca, la città più popolosa del Bangladesh, hanno sottoposto a vaccinazione quasi 190.000 bambini di un anno. Il protocollo ha previsto due immunizzazioni distanziate di due settimane; in circa metà dei casi alla vaccinazione sono stati abbinati una campagna educazionale diretta ai parenti dei bambini e il rifornimento di acqua potabile non contaminata dal batterio del colera. Un gruppo formato da circa altri 80 mila bambini non è invece stato vaccinato; la salute di questi piccoli è stata monitorata per valutare l’incidenza della malattia in assenza della vaccinazione.

I risultati sono parsi molto chiari: l’incidenza del colera è scesa del 37% tra i bambini che sono stati solo vaccinati e del 45% tra quelli vaccinati e figli di persone che avevano seguito i corsi di educazione all’igiene e ricevuto acqua pulita. Il vaccino non è stato associato a nessun effetto avverso grave e dopo 2 anni la protezione è risultata efficace ancora nel 53% dei vaccinati.

Questo studio fa sperare che presto si possa procedere a vaccinazioni di massa. Per questo i suoi autori invitano a proseguire le indagini sul lungo periodo e a programmare campagne vaccinali almeno nelle aree più povere e flagellate dalla malattia.’

Agnese Codignola
Data ultimo aggiornamento 10 luglio 2015